And the winner is…


small_obama_image

Si, Barack Obama ce l’ha fatta ed è il nuovo Presidente degli Stati Uniti. Gli americani hanno votato per lui nella speranza di un cambiamento, ma adesso arriva la parte più difficile, si deve subito mettere al lavoro per non deludere le immense aspettative che si sono create su di lui.

Questi i risultati delle elezioni:

picture-21

 

Come vedete Obama è stato votato dalla grande maggioranza dei grandi elettori (e sono loro che contano); ha anche ricevuto la maggioranza dei voti popolari, 63 milioni contro 55, ma non c’è stato quel distacco previsto fino a ieri. Questo non deve preoccupare perchè gli americani si riconoscono sempre e comunque nel loro Presidente nei momenti difficili, anche se non l’hanno votato.

E ora al lavoro.

 

“Ragazzi, complimenti a tutti. È la cosa più bella capitata a questo mondo dal 1989.”

Luca Sofri

Bookmark and Share

 

Questa voce è stata pubblicata in politica, usa e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a And the winner is…

  1. wowbagger42 ha detto:

    … Obama!

  2. batta ha detto:

    Yes, he could!

  3. bat59 ha detto:

    segnalo con soddisfazione che in una dichiarazione di stamattina intorno alle sei l’ineffabile presidente del consiglio italiano ha dichiarato che Barack Obama è un suo grande amico.
    Aaaargh! basta!

  4. Mich ha detto:

    http://it.youtube.com/watch?v=acS6XtKJpCM
    Chissà quando in Italia sentiremo discorsi del genere da parte di chi perde le elezioni..
    Sinceramente avrei preferito un risultato diverso, ma spero che Obama faccia un buon lavoro.

  5. teo ha detto:

    Probabilmente il presidente del consiglio ha conosciuto Obama ad un seminario su “come comportarsi da rockstar”, tenuto da Mick Jagger. Era presente anche sarkozy…

    Auguro di tutto cuore un roseo futuro al nuovo presidente, affinchè riesca a trasformare in fatti le sue promesse.

    P.s. Veltroni ha dichiarato che la vittoria del suo grande estimatore Obama porterà radicali cambiameni nella politica italiana. Che si prospetti un nuovo sbarco alleato?

  6. giovanni ha detto:

    Finalmente l’America si è risvegliata ed è stata in grado di abbandonare le paure e l’arroccamento e scegliere il cambiamento.. il mondo oggi non è più lo stesso, qualcosa è cambiato. Grazie America perchè dopo le tante sofferenze di questi otto lunghi anni sei stata in grado di unirti e dare al mondo la prova democratica che segnerà la svolta.

  7. roy ha detto:

    @mich: d’accordo nell’apprezzare molto lo stile di chi perde e anche di chi vince: Obama ha detto da subito che è vicino a chi non lo ha votato che ne ascolta la voce
    @teo: mi sa che l’idea dello sbarco alleato non è da buttare, magari al posto dei pacchetti di sigarette ci lanciano degli I-Phone

  8. wowbagger42 ha detto:

    Grande uscita di scena di McCain: alla fine è apparso chiaro che sono più le colpe di Bush che l’abilità di Obama ad averlo sconfitto: sarebbe stato un buon presidente.

    Ma ha vinto Obama, e mi auguro che faccia un ottimo lavoro, e in effetti credo che sarà così e che probabilmente si tratta dell’uomo giusto al momento giusto.

    Avevo solo un dubbio, riguardo alla sua politica estera, e Dan Peterson (sì va be’, risparmiatevi l’ironia…) sembra condividere il mio pensiero: “Temo che, in un faccia a faccia, Putin se lo mangerà come un tramezzino”.

    Ma forse è solo una scusa per non ammettere che in fondo, nonostante avessi tifato prima per Giuliani e poi per il candidato repubblicano, sono molto curioso di vederlo all’opera…

  9. batta ha detto:

    Grazie a tutti per i commenti: abbiamo sottolineato la sportività di McCain, che ha augurato buon lavoro al nuovo presidente, anche se ho già detto che questa è una prassi consolidata negli USA e in generale nelle democrazie anglosassoni, dove dopo le elezioni gli schieramenti tendono a svanire e TUTTA la popolazione si riconosce nel nuovo presidente. Magari imparassimo anche noi, invece di vivere sempre nello stesso stato di contrapposizione continua.

    Ora per Obama la parte più difficile: dimostrare al mondo che le immense aspettative create su di lui non sono vane. Ricordiamoci che entrerà in carica solo a gennaio, e che in fondo è un uomo. Non risolverà certo tutti i problemi di questo nostro pazzo mondo, ma penso (e spero) che farà molto bene.

  10. teo ha detto:

    Ah dimenticavo… a proposito di citazioni.

    Ho ascoltato con molta gioia il finale di discorso di Obama prima delle votazioni: “if you can change, everybody can change, all the world can change!”
    Parole del grande Stallone in Rocky IV….

  11. roy ha detto:

    Mitico Rocky! e onore a Ivan Drago

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...