Gli scontri a piazza Navona

 

Penso che si sia parlato anche troppo di quello che è accaduto l’altro giorno a Roma, ma non posso non esprimere la mia opinione sui fatti (dopo aver studiato a lungo i numerosi video presenti in rete, che aiutano a farsi un’idea).

I manifestanti arrivano in piazza Navona e li si fermano. Oltre a tutti i semplici studenti che manifestavano, ci sono tre gruppi: i giovani del Blocco studentesco di estrema destra, i giovani di estrema sinistra e la polizia. Tutti e tre i gruppi hanno sbagliato. I primi perchè si sono portati bastoni e mazze sul loro camion, pronti a usarle (e le hanno usate, anche prima di arrivare a piazza Navona). Gli studenti di sinistra perchè hanno cercato di cacciare “i fascisti” dalla piazza, mentre fino a quel momento si era cercato di mantenere una connotazione apolitica in tutta la manifestazione.

Hanno sbagliato anche gli agenti di polizia, perchè a un certo punto sono chiaramente visibili i due gruppi che si fronteggiano, ancora a distanza. Nessuno prende l’iniziativa, ed è abbastanza ridicolo sentire i fascisti usare termini militari come “mantenete le righe!” (davvero assurdo vedere che giocano a fare i duri, giocano alla guerra), e vedere che se ne stanno li alcuni minuti, a guardarsi, ma soprattutto a farsi fotografare e intervistare! Guardate che posa:

Poi lo schieramento di sinistra parte alla carica, ci sono alcuni istanti concitati e solo dopo un po’ la polizia interviene. In fondo non hanno avuto bisogno di provocare scontri, è bastato lasciar agire quattro imbecilli.

Curzio Maltese (Repubblica) era li e racconta alcuni particolari francamente agghiaccianti. Mettete tutto insieme e potreste farvi strane idee sui collegamenti tra polizia e studenti di estrema destra.

Davanti al Senato è partita la prima carica degli studenti di destra. Sono arrivati con un camion carico di spranghe e bastoni, misteriosamente ignorato dai cordoni di polizia. Si sono messi alla testa del corteo, menando cinghiate e bastonate intorno. Circondano un ragazzino di tredici o quattordici anni e lo riempiono di mazzate. La polizia, a due passi, non si muove. 

[…]

È quasi mezzogiorno, una ventina di caschi neri rimane isolata dagli altri, negli scontri. Per riunirsi ai camerati compie un’azione singolare, esce dal lato di piazza Navona, attraversa bastoni alla mano il cordone di polizia, indisturbato, e rientra in piazza da via Agonale. Decido di seguirli ma vengo fermato da un poliziotto. “Lei dove va?”. Realizzo di essere sprovvisto di spranga, quindi sospetto. Mentre controlla il tesserino da giornalista, osservo che sono appena passati in venti. La battuta del poliziotto è memorabile: “Non li abbiamo notati”. 

Dal gruppo dei funzionari parte un segnale. Un poliziotto fa a un altro: “Arrivano quei pezzi di merda di comunisti!”. L’altro risponde: “Allora si va in piazza a proteggere i nostri?”. “Sì, ma non subito”. Passa il vice questore: “Poche chiacchiere, giù le visiere!”. Calano le visiere e aspettano. Cinque minuti. Cinque minuti in cui in piazza accade il finimondo. Un gruppo di quattrocento di sinistra, misto di studenti della Sapienza e gente dei centri sociali, irrompe in piazza Navona e si dirige contro il manipolo di Blocco Studentesco, concentrato in fondo alla piazza. Nel percorso prendono le sedie e i tavolini dei bar, che abbassano le saracinesche, e li scagliano contro quelli di destra. 

Soltanto a questo punto, dopo cinque minuti di botte, e cinque minuti di scontri non sono pochi, s’affaccia la polizia.

Lui c’era, e ha visto. Infine vi propongo un filmato che ricostruisce un po’ cosa è successo e nel quale si sente chiaramente un poliziotto che dice a uno dei capi del Blocco studentesco “Levati Francesco, vai via vai via”. (minuto 4.00)

 

 

Chissà, magari è un amico di famiglia, magari si incontrano tutte le settimane in curva allo stadio e non c’è niente di male. Ma a me mi sembra proprio strano, a voi no?

Bookmark and Share

 

Questa voce è stata pubblicata in informazione, italia, politica e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Gli scontri a piazza Navona

  1. Mich ha detto:

    Caro Batta, dopo aver anch’io visto e letto, vorrei anch’io dire due cosette.
    Curzio Maltese (forse lì si è preso paura e non ricorda bene, o forse scrive così di proposito) è un tantino esagerato, non trovi? Definire “finimondo” un tafferuglio tra quattro pirla mi pare quantomeno improprio.
    E gli ultimi due paragrafi che hai citato dal suo “articolo” si basano sui suoi affidabili e fidati ricordi o c’è qualche altra fonte, magari video?
    Quello che io vedo è: venti esaltati ramboidi che cercano lo scontro (niente di nuovo), un numero un po’ maggiore (ugualmente esaltati, forse però questi hanno visto meno film) che rispondono a tono (e povero il padrone di quel bar che non ha più una sedia intera) e un gruppo di poliziotti che -e qui hai proprio torto- manganella sia a destra che a mancina (e poi ferma un gruppo dei provocatori di destra, ma fa niente..si saranno confusi, vero?). E meno male che i poliziotti “non prendono iniziative”, ci mancherebbe! Mica sono gli agenti a decidere una carica, loro eseguono ordini e basta, per fortuna. Se l’ordine non arriva non si manganella, funziona così.

  2. batta ha detto:

    si mich, anche io non condivido alcuni toni usati nell’articolo, ma come in tutte le cose dobbiamo cercare di distinguere i fatti da ciò che viene aggiunto per fare un po’ di scena,di spettacolo.
    Ma mi fido del suo racconto,nella sostanza.

    Il problema non è chi hanno manganellato, ma il fatto che siano intervenuti troppo tardi: non si discute che eseguano degli ordini, ma l’ordine di intervenire è arrivato troppo tardi. Avrebbero potuto evitare tutto, ma l’ordine di intervenire non è stato dato perché in fondo forse faceva comodo così, per poi dire che la protesta è violenta.
    Invece, ripeto, quegli imbecilli che si sono picchiati non c’entrano niente con la protesta degli studenti.

    Non credi?

  3. Mich ha detto:

    Cosa avrebbero dovuto fare per evitare tutto? intervenire prima dello scontro? Allora si sarebbe detto:”ah la polizia è violenta e carica senza motivo”. Sequestrare i bastoni ai “camerati”? Bè, anche le aste delle bandiere ai manifestanti allora..anzi, niente manifestazione così non succede proprio nulla.
    Per quanto mi riguarda credo che quando si organizzano queste cose (tanti giovani per strada, a far casino, gli animi si scaldano presto) degli episodi violenti siano inevitabili, quindi no, non credo che non c’entrino con la protesta.

    (E, tra l’altro, se al governo fa comodo far apparire violenta la protesta, Maltese fa quasi gli interessi del centro-destra a inventare certe cose..)

  4. batta ha detto:

    ancora? Ma perché avrebbe dovuto inventarsele? Ci sono molti modi di presentare i fatto, ma non penso che un giornalista scriverebbe cose del tutto false, se ci tiene un minimo alla sua reputazione professionale.

    La polizia sa solo caricare a testa bassa? Non credo, anche se a volte sembra. Avrebbero dovuto semplicemente mettersi in mezzo e stare fermi, a dividere i due gruppi.

    Un’ultima cosa: gli scontri NON sono inevitabili. E questo mi pare incontestabile, visto che in questi giorni ci sono decine di manifestazioni dove non succede proprio niente.

  5. Mich ha detto:

    Batta, se guardi video un po’ più amatoriali, privi del fazioso montaggio di annozero, vedi chiaramente che quando le due fazioni hanno iniziato a litigare la polizia non era lì a due metri pronta a dividerle, ma è arrivata dopo. Quando è arrivata aveva ben poco da dividere ormai.
    Per me è invece incontestabile che nel movimento studentesco ci sia un sacco di gente che non vede l’ora di fare casino, e si vede un po’ in tutte le manifestazioni. A piazza Navona hanno iniziato a litigare perchè si cantavano cori che avevano ben poco di apartitico; comportamenti del genere si vedono dappertutto, e in una manifestazione di studenti che -a detta loro- vogliono lasciare la politica fuori dalla loro protesta, sono una forma di violenza. Dal litigare a parole a mettersi le mani addosso la distanza è breve, e se dovesse succedere ancora qualcosa del genere io non mi stupirei molto.

  6. petronio ha detto:

    Io credo che sia ridicolo da parte di Curzio Maltese utilizzare gli scontri di quattro pirla (concordo con la definizione di Mich) per cercare di rinverdire due categorie – quelle di fascismo e comunismo – che sono morte e sepolte. Mi sembra ridicolo fare dell'”antifascismo” nel 2008. Se definissimo veramente fascisti quei quattro pirla, Mussolini si rivolterebbe nella tomba, così come se definissimo comunisti gli altri quattro pirla si rivolterebbe Togliatti. Di fascisti non ce ne sono più almeno dal congresso di Fiuggi. E il problema è che individuare nel “fascismo” il nemico fa perdere di vista il nemico vero. Perché Berlusconi vi sembra fascista?!

  7. teo ha detto:

    Leggendo le parole di mich, che ha centrato stupendamente il problema (se la polizia interviene fa male, se non interviene fa male lo stesso, quindi che deve fare): i montaggi di annozero sono sempre da valutare. Concordo pienamente.
    Per intenderci, se il servizio fosse stato di emilio fede.. qualcuno avrebbe storto il naso. Ma santoro è mille volte peggio di fede…

    Finalmente una persona che dice le cose come stanno. Grazie petronio: mio nonno era fascista, si sognava di comportarsi in quel modo.

    a batta: gli scontri sono evitabili. in molte manifestazioni non succede. Verissimo, anche perchè i ragazzini che vanno lì non per spaccare.. ma per farsi riprendere dalle telecamere e sentirsi un pò che guevara

  8. teo ha detto:

    togliete il che da “che vanno lì” naturalmente

  9. assurdo ha detto:

    “Levati Francesco, vai via vai via”………
    sta nel filmato, prima di parlare guardate, o avete le bende negli occhi e i tappi nelle orecchie?!?

  10. wowbagger42 ha detto:

    I poliziotti urlano di andare via almeno da 20 secondi prima del famoso invito a Francesco, il capo dei fascistelli romani che si produce insieme ai suoi amici (camerata è fuori luogo) nella cretinata iniziale. Credo che sia logico supporre che qualche poliziotto a Roma conosca da tempo chi si erge a leader dei “4 pirla” di destra!

    Finisco consigliando a questi che devono sfogarsi Call of Duty, o perchè no, il soft-air…

    In realtà avrei un’ultima considerazione: ora, è ovvio che si tratta di una pagliacciata fatta solo per finire in tv (emblematico il teatrino iniziale condotto da francesco)… Ma perchè ne parliamo? Non è il genere di comportamenti che ci proponiamo sempre di ignorare?

    E intanto la riforma è legge…
    Una volta il blogger attaccava Grillo (Maldive per lui?) perchè organizzava cortei e raccolte di firme a vanvera, e ora che i cortei avvengono il giorno dopo l’ approvazione della legge contestata?

  11. teo ha detto:

    Peraltro ho orecchie anche per sentire i 4 mocciosi intervistati.
    (gradirei che qualcuno mi chiarisse al riguardo un dubbio: l’androgino dotato di piercing è un lui o una lei??? No perchè se è una lei la ritengo sgradevolmente sboccata… se invece si tratta di un lui, tutto di lui a partire proprio dal timbro vocale rivela poca maturità).

    Riprendendo da quanto detto da Sgarbi in questi giorni: protestino pure, manifestino, è un loro diritto. Ma dimostrino di essere interlocutori all’altezza e non 4 pirla che sparano parole a vanvera per sentirsi importanti.

  12. roy ha detto:

    Il problema dell’atteggiamento “macho” e vagamente squadrista di alcune frange delle polizie è reale; in tutti i paesi occidentali, dalla Francia, alla Germania, agli Stati Uniti, si affronta e si vince riconducendo i poteri esecutivi e la cultura dell’uso della forza (che è cosa diversa dall’uso regolato e necessario della forza) nei limiti funzionali-operativi strettamente necessari, mediante controlli ispettivi interni e controlli esterni di legalità; nei Paesi arretrati la rozzezza delle polizie fa il paio con la condizione servile che i cittadini accettano per sopravvivere.
    Si tratta di scegliere da che parte vogliamo stare, a prescindere dall’occasionale maggioranza di governo.
    In Francia l’amichevole intesa dei poliziotti con Francesco e la loro brillante riscoperta del pericolo comunista, oggettivamente svelate dal filmato, basterebbero al Ministro dell’interno (di qualsiasi governo) per spedire i capi di quei poliziotti a regolare il traffico davanti ad una scuola di campagna

  13. Mich ha detto:

    Non voglio insistere, ma il filmato “oggettivamente” non svela nulla. Se proprio si vuole interpretare, mostra che un poliziotto conosce quel tale Francesco.
    Allora potremmo dire che i poliziotti sono tutti criminale e assassini perchè c’è stata la Uno Bianca. A me sembra un ragionamento un po’ fallace, no?

    Comunque non voglio alimentare discussioni inutili, nè convincere nessuno.😉

  14. batta ha detto:

    Ringrazio tutti per i vostri commenti: sono contributi alla discussione, e anche se è normale che ognuno abbia la propria opinione e arrivi a deduzioni diverse partendo dai dati, penso che l’importante sia comunque continuare a discutere e a pensare. Sarebbe molto peggio appiattirsi sui titoli dei telegiornali e prendere per buono tutto quello che ci viene propinato.
    Invece questo spirito critico può dare buoni frutti.

    (che poi ha ragione wowbagger, la cosa migliore da fare sarebbe proprio ignorare questi delinquenti, più attenzione hanno addosso più si sentono forti. E già così a me sembrano ridicoli, caricature di loro stessi e di un passato che dovrebbe stare solo sui libri di storia)

  15. Mm88 ha detto:

    No ma dico che cazzo avete visto voi? Cercate sul canale youtube di CasaPound ci sono tutti i video… Guardatevi “comunisti all assalto di un sogno generazionale” è diviso in 7 parti ma credo sia tempo ben speso… Fa capire assolutamente tutto quello che è successo… E quando sbirri e finanzieri si tolgono per far passare gli antifa… E poi alla fine caricano quelli del blocco, permettendo oltretutto agli antifascisti di assaltarli il camioncino?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...