Scrivere di Alitalia

 

E’ un po’ come sparare sulla Croce Rossa, oggi come oggi.

La Cai ha formalmente ritirato la sua offerta, eppure c’è qualcuno (leggi Cgil e Anpac) che continua a ripetere che un accordo è ancora possibile, e che è disposto a sedersi al tavolo delle trattative. Ma non ho capito, quando le trattative c’erano davvero cosa facevano questi signori? Hanno sentito la notizia che ormai è praticamente tutto finito?

Chi dovrebbe trattare a ogni costo, per il bene di chi rappresenta, è il comandante Fabio Berti: l’unica cosa che sta gestendo bene direi che è la sua immagine. A furia di essere intervistato e di comparire come ospite nei vari salotti televisivi, il comandante è diventato una piccola star, nel bene e nel male. Forse per questo si sente autorizzato anche a minacciare i passeggeri, insinuando velatamente che le forti, insopportabili pressioni psicologiche a cui sono sottoposti in questi giorni i piloti potrebbero portare a conseguenze anche sulla loro concentrazione durante il volo e quindi a incidenti. Secondo me ha detto una cosa pazzesca.

Il commissario straordinario Fantozzi pubblica tardivamente un invito a presentare delle altre offerte per la compagnia: mossa comunque inutile, perchè il termine è fissato per il 30 settembre, e in ogni caso quelle presentate sarebbero solo offerte “esplorative”, mentre servirebbe un piano industriale serio e completo, prima che finiscano i soldi. E prima che l’Enac ritiri a quel che resta dell’Alitalia la licenza di volo provvisoria che le permette di operare.

Intanto arrivano notizie non confermate che l’Ente Aeroportuale Israeliano, preoccupato per le sorti della compagnia italiana, della quale è creditore per 350.000€, abbia fatto sequestrare conti e proprietà Alitalia nel Paese medio-orientale.

In tutto questo l’unica notizia positiva sembra essere che, se avete un po’ di fortuna e molta, molta fiducia in una soluzione positiva della vicenda, possiate trovare dei biglietti Alitalia per le prossime settimane a prezzi fortemente scontati, dato che le prenotazioni ovvamente sono in crisi. Voi comprereste mai un biglietto Alitalia adesso?

 

PS: un’ultima considerazione nasce spontanea: colui che convince i potenti di tutta europa a suon di barzellette e di savoir-faire, colui che ha provocato il ritiro dell’esercito russo dalla Georgia e ha risparmiato all’Occidente intero una nuova guerra fredda, colui che ha propugnato con ardore la causa dell’italianità della compagnia aerea, facendo entrare in gioco la Cai e la cordata di imprenditori (tutti rigorosamente con puro sangue italiano nelle vene); colui che è capace di tutto ciò, come mai a un passo dal traguardo si fa sgretolare tra le mani il castello di sabbia che con tanta cura aveva costruito? Come mai non riesce a convincere i suoi amati imprenditori (italiani) a riprendere le trattative? Piloti, manager e imprenditori non saranno mica tutti cattivi comunisti?

Bookmark and Share

 

Questa voce è stata pubblicata in italia, politica e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Scrivere di Alitalia

  1. teo ha detto:

    Beh tutti cattivi comunisti non credo proprio: dato che un buon numero di loro si lamenta perchè secondo loro prendere 2500 euro per tre ore di lavoro è troppo poco, sarebbe più giusto definirli c******i.

  2. stefano ha detto:

    questo è quello che hanno fatto di Alitalia e dei suoi dipendenti….e che nessuno ha il coraggio di scrivere e pubblicare.
    http://video.sky.it/services/link/bcpid1513658495/bctid4734382001

  3. roy ha detto:

    @stefano
    Grazie.
    Le scelte sono nette: c’è chi disprezza la dignità del lavoro e dei lavoratori e c’è chi pensa che siano valori decisivi per mantenere civile una società.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...