Non solo Napoli

 

Pare che i rifiuti siano un problema che non riesce ad essere gestito come si deve, e non solo a Napoli. Soprattutto in Sicilia: Palermo, Messina, Enna, hanno tutte lo stesso problema, pur se per cause diverse. Ma anche nel resto d’Italia si moltiplicano le inchieste per affari illeciti legati allo smaltimento dei rifiuti.

Ne abbiamo già discusso più volte su questo blog, ma ancora non riesco a capire perchè un servizio fondamentale come questo possa essere gestito così male.I rifiuti sono ancora visti dagli amministratori come un problema, un fastidio, mentre potrebbero essere addirittura una risorsa da sfruttare e un’occasione.

In ogni caso non temete: il nostro premier assicura che entro luglio la situazione sarà sotto controllo! Ma come?

Giuro che non parlo più di rifiuti! Anche perchè c’è qualcuno che ci informa puntualmente sulla situazione…

Bookmark and Share

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in italia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Non solo Napoli

  1. Mich ha detto:

    Beh, del discorso di Berlusconi l’unica parte che mi lascia perplesso è quella sulle tasse (che qui non c’entra).
    Francamente lo sgombero delle strade napoletane entro Luglio non mi sembra impossibile; i mezzi ci sono (parlo di mezzi fisici: sono targati Esercito Italiano; bisogna ricordarsi che non serve solo quando capitano le alluvioni o i terremoti, ma in molte altre circostanze va impiegato in modo massiccio) basta darsi una mossa. 😉

  2. teo ha detto:

    E’ un panorama veramente desolante. Malversazione, corruzione e incapacità dilagano ovunque e la soluzione sembra alquanto lontana (non credo.. spero di sbagliarmi naturalmente, per il bene di tutti… che l’emergenza entro luglio in campania verrà risolta, o comunque, risolta in maniera definitiva). E le colpe sono davvero di tutti: dei singoli (che votano rappresentanti incapaci o che delinquono loro stessi e si lasciano corrompere), delle regioni (che non pagano i dipendenti e non può essere sempre colpa di roma che non manda i soldi), dello stato, che sembra assente.
    L’intervento dello stato che tutti richiedono a questo punto dovrebbe essere più massiccio: scavalcando le regioni, che non compiono il loro dovere, scavalcando i funzionari attuali, corrotti, nominandone di nuovi, che rispondano al solo governo. Utilizzando in maniera maggiore le intercettazioni. Ma questo nuovo assetto, seppure dettato dall’emergenza, non rischia di essere bollato come dittatura? e il governo (qualunque, perchè è un fallimento di destra quanto di sinistra) accusato di corruzione dalla stessa popolazione che l’ha votato?

    Poi c’è Qualcuno che come al solito denuncia senza consigliare qualche soluzione… Beh povero, capiamolo, dire ciò che c’è sono capaci tutti, risolvere un problema ci vuole invece un poco di cervello… Anche se stranamente la soluzione per napoli ce l’ha: la secessione…!! Ah ecco perchè l’ha trovata, gliel’hanno suggerita altri. Che sono gli stessi che lui insulta… che coerenza…

  3. Mich ha detto:

    Infatti, Teo, il presidente del consiglio nel formulare la sua promessa ha, come al solito, salvato capra e cavoli: ha detto che sgombrerà le strade dai rifiuti, che tecnicamente non è “risolvere il problema in modo definitivo”. Il problema va risolto definitivamente intervenendo a monte, non semplicemente raccogliendo i sacchetti. Che in ogni caso sarebbe già qualcosa, affatto impossibile secondo me.

    Ah, tra l’altro: “Ma questo nuovo assetto, seppure dettato dall’emergenza, non rischia di essere bollato come dittatura? ”
    No, se dovessi “bollarlo” io non lo sarebbe, ma ho la sensazione che c’è chi lo farebbe per lamentarsi comunque di qualcosa.

    Ciao!

  4. batta ha detto:

    Teo, non credo che sia così facile scavalcare tutti e creare una sorta di assetto parallelo a quello ordinario: la situazione è di emergenza, ma questo non basta ad aggirare le regole di diritto che assegnano le funzioni e i compiti senza provocare alcun problema: vedi ad esempio quanti dubbi ha sollevato l’istituzione di una cosiddetta “superprocura” per i reati legati ai rifiuti. Fermo restando il fatto che poi bisognerebbe andare a vedere quali siano i suoi reali poteri, questo non potrebbe creare qualche problema con il diritto di ognuno a comparire davanti al suo giudice naturale, e il divieto di istituire tribunali speciali (art 102.2 cost)?

    Non lo so, queste sono le prime cose che mi vengono in mente, ma dicerto ci sarebbe molto da discutere su questo argomento! Non è questione solo di “bollare”…

  5. teo ha detto:

    Non temere batta, la mia era solo una provocazione, che ho potuto lanciare dato che su questo blog non mancano gli interlocutori per un dialogo costruttivo, come te e mich.
    Volevo far notare come sia davvero spinoso il problema: il sistema decentrato, devi darne atto, al momento risulta alquanto in difficoltà. E ho provato a lanciare il sasso nello stagno: chi voterebbe per uno stato più presente? Come vedi, subito tre punti di vista: miche sarebbe favorevole (spero di nn aver frainteso la sua idea..), Qualcuno contrario per un motivo, tu contrario per altri (sicuramente più seri di quelli di Qualcuno).
    problemi tanti, possibili soluzioni tantissime.. una sola soluzione. Sconosciuta per ora.

  6. Mich ha detto:

    Non hai frainteso affatto, Teo, io sarei favorevole;)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...