Dillo dovunque ma non in TV

 

In merito alle polemiche seguite a queste dichiarazioni di Marco Travaglio: sottolineo che non mi è piaciuto il giornalista nella parte in cui parla di lombrichi e muffe. Quelli sono insulti che si poteva risparmiare, anche perchè nessuno poteva rispondergli (essendo lui il solo ospite).

Ma per quanto riguarda il resto delle sue affermazioni, non capisco perchè è stato sollevato questo polverone: Travaglio ha espresso una sua opinione, citando dei fatti di cui è a conoscenza. Perchè dire che c’è qualcuno che vuole “minare il dialogo“? 

Perchè non semplicemente dire che i fatti esposti da Travaglio sono tutti inventati di sana pianta? Sarà certamente così, è il Presidente del Senato Schifani non avrà nulla da temere, vero? Perchè non entrare nel merito della questione? Forse davvero perchè era la sede sbagliata: finchè una cosa resta sui libri nessuno se ne preoccupa troppo, ma la TV la guardano tutti…

C’è di buono che Schifani ha querelato Travaglio, e di solito nelle aule di giustizia non si guarda alle dichiarazioni politiche, ma ai fatti: se questi sono realmente accaduti, verrà accertato una volta per tutte.

E pensate che Travaglio mi sta pure abbastanza antipatico.

Bookmark and Share

 

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in informazione, italia, politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Dillo dovunque ma non in TV

  1. savomacario ha detto:

    Schifani non ha bisogno di dire che tutti i fatti sono inventati di sana pianta: nessuno può sapere cosa diventeranno un giorno i suoi amici e tantomeno ritenersi colpevole per i loro errori.
    Tra l’altro, se non erro, si è innocenti fino a prova contraria.
    Perchè Schifani dovrebbe provare qualcosa? Che sia Travaglio a farlo, ma con prove vere, non basta insinuare. Ma se proprio ci tiene, non si lamenti delle querele.

    D’altra parte credo che la querela sia riferita solo a muffe e lombrichi, quindi mi sembra eccessiva… quella era solo ironia! (ben diversa dagli insulti di Grillo!)

  2. batta ha detto:

    Illuminante? Forse, ma la storia non è finita li!

    Travaglio ha risposto all’articolo di D’Avanzo.

    D’Avanzo ha risposto alla lettera di Travaglio.

    E poi Travaglio ha risposto alla risposta di D’Avanzo!
    E lo ha anche querelato!

    Vi sembra complicato? Vi consiglio di leggere, capirete cosa NON bisogna fare: “Due giornalisti che si fanno la guerra a colpi di avvocati sono come due filosofi che discutono del significato profondo della vita a sputi in faccia” (Massimo Mantellini)

  3. savomacario ha detto:

    Sì be’ sta diventando un po’ una pagliacciata, no?

  4. vitt80 ha detto:

    sono d’accordo con savo….
    in ogni caso, non mi pare che la risposta di Travaglio abbia minimamente scalfito il messaggio che ha lanciato D’Avanzo con il suo articolo, che è questo: chi intende dare al pubblico un’informazione deve verificarne sempre scrupolosamente la fondatezza e la rispondenza al vero. chi, invece, intende solo rilasciare “patenti morali” (così formulando, evidentemente, un giudizio politico personale) deve, almeno, palesare il suo scopo, e non ammiccare sperando di minare a forza di suggestioni ed allusioni la credibilità altrui.
    la trovo una questione di onestà intellettuale.
    e spero che Travaglio non assurga alla dignità di martire, considerata la popolarità ed i conseguenti ritorni (economici e non solo) che questa storia gli sta portando e gli porterà.

  5. teo ha detto:

    AnnoZero. Programma di informazione. Ospite il grande giornalista marco travaglio. Dato che voglio informarmi, mi soffermo a guardarlo. E dato che siamo tutti giornalisti, vi racconto alcune curiose scene avvenute durante il dibattito tra Santoro, l’onorevole Castelli, il sindaco di verona tosi e di salerno de lucia:
    1. santoro si lamenta perchè l’ospite Rodotà, ex ministro e insigne giurista, nell’esporre la sua idea, prima mette la premessa e poi la conclusione! “lei deve prima mettermi la conclusione…” e quando l’ospite lo fa.. santoro gli blocca la spiegazione oppure dice che afferma fatti senza prima dimostrarli!
    Travaglio è al fianco di santoro, non interviene, non dice nulla
    2. Tutti gli ospiti condannano i clandestini che delinquono. Castelli, Tosi e De Lucia affermano di voler tutelare gli stranieri che lavorano e che si integrano perfettamente.
    Santoro ad un certo punto chiede: perchè non volete gli extra-comunitari? Castelli risponde: noi vogliamo cacciare i delinquenti che non sono qui in regola, gli extracomunitari che invece di lavorare attentano alla vita dei privati. Quelli che lavorano devo essere tutelati, ci mancherebbe.
    Santoro: ma gli extra-comunitari sono una forza lavoro non indifferente nell’economia italiana. Come possiamo farne a meno? Tosi: chi lavora non ha nulla da temere! Noi vogliamo allontanare solo gli extracomunitari che non rispettano le nostre leggi e non lavorano.
    Santoro: credete che così il mercato italiano possa andare avanti? cioè se mandate via come mi state dicendo tutti questi extra-comunitari che costituiscono forza lavoro..

    Mi fermo qui. Un presentatore che fa domande senza sentire le risposte non merita commenti. E travaglio, il difensore dell’informazione cosa fa?? Tace.
    Travaglio dice di difendere la libera informazione.. ma l’informazione ben fatta sembra non interessargli molto. complimenti per la coerenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...